liniziodiunafine
Te c’hai mai pensato a qua ragazza laggiù? Nc’ha l’occhi azzurri, n’è bionda, n’è tinta, n’è niente. O almeno, n’è niente pe chi na conosce. Io o so che voi due avete legato fratè, e so pure che ve piacete entrambi, che pe sta vergogna de rcazzo nvo dite mai che v’amate. Quella là, quanno parla de te, è popo a fine. Ce starebbe l’ore a parlà de quanto siano belli l’occhi tua quanno v’abbracciate, de quanto profumi su l’incavo del collo, de quanno a prenni nbraccio nonostante pesi npo’. Proprio de questo che te volevo parlà, falla sentì bene, falla sentì a proprio agio, nun je fa notà i difetti che c’ha, anzi, impara a convivece. Fratè, vabbè che mo te vergogni e tutto, però vedi de strigne i tempi, sinnò quarcuno ce pensa a rposto tuo.
traimieiparadossi

" Lo sai che sono testarda e quando dico le cose le faccio. Mi ricordo che da bambina mi ero fissata di voler imparare a fare la ruota, così ogni giorno scendevo in giardino e riprovavo fino a quando il mio sedere mi diceva "a Martì, vatte a fa un giro invece di cadere su di me". Ma io non mollavo, infatti oggi la so fare. Sai che sono impulsiva e le emozioni mi fottono, ma sai anche che sono stronza, oh molto stronza, e che niente mi fa paura.
Però, Marì, ti giuro che quando oggi mi ha riabbracciato tutti i “vaffanculo stronzo! Io con lui non ci parlo più” che ho urlato nelle strade buie della nostra città con in mano una birra sono crollati e, per la prima volta, ho avuto paura di perderlo.

Io, che sono sempre la stronza della situazione.
Io, che non ho paura di niente. “

©traimieiparadossi (via traimieiparadossi)